Difficoltà psichiche

Ba Ba Baciami piccina con la bo bo bocca piccolina. Anzi, no.

Mi ha accarezzato i capelli e il mio cuore ha martellato così forte che ho pensato: se mi bacia, muoio.
Stefano Benni.

La bocca è fatta per mangiare, per respirare, per parlare, per mordere, ma non per baciare. Il bacio lo abbiamo inventato noi, non ha carattere universale e nemmeno umano. Alcune popolazioni native americane hanno scoperto il bacio solo dopo la colonizzazione europea. E’ quindi molto probabilmente una pratica inventata e diffusasi tardi nella nostra storia, anche se ci sono testimonianze in sanscrito, datate a 3500 anni fa, che descrivono il bacio come il respiro reciproco della propria anima.  E’ più tipica delle società stratificate, forse quelle che hanno il tempo da dedicare all’erotizzazione, ed è nata in quelle società che già davano importanza all’igiene orale (hai presente quanti batteri ci si scambi con la saliva?) e alla dimostrazione pubblica di affetto (e magari anche di “appartenenza”). Si, non è proprio un preludio romantico, ma questo è. Alcune popolazioni schifano il bacio. Altre lo adorano. Il bacio, oltre ad avere potenti effetti grazie allo scambio di germi di cui sopra, ha anche un potere fantastico che coinvolge il rilascio di serotonina che sappiamo ormai essere legata alla sensazione di benessere, e fa star bene. Chi non vorrebbe un bacio sotto alle stelle? Abitanti di Tonga a parte.

Chi ha paura di baciare. Ecco chi. Tonga sempre a parte. La fobia è una reazione angosciosa immotivata, ovvero scatenata da stimoli che non sono pericolosi. Chi ha paura di finire sotto al tram, attraversando le strisce pedonali a semaforo rosso e a mezzo in avvicinamento, ha una paura sana e motivata, che lo farà scappare prima di diventare un tutt’uno con le rotaie. Chi ha paura di qualcosa non oggettivamente pericoloso e specifico, ha una reazione patologica, che lo porta a evitare attivamente quello stimolo o a viverlo con una profonda ansia e tutto il correlato fisiologico che di conseguenza si attiva. Chi ha paura del bacio, lo evita. Il bacio ha una forte valenza emotiva e sentimentale nella nostra società, ha un forte legame con la sessualità e con la vicinanza emotiva. La mia generazione ricorda benissimo il bacio tra Richard Gere e Giulia Roberts in Pretty Woman, bacio che ha superato quel confine tra essere persone con una relazione sessuale ad essere innamorati. Chi soffre di filofobia, ovvero timore di innamorarsi, sarà ritroso anche nel bacio, proprio per la valenza affettiva che si trascina con se. C’è chi ha paura di un bacio per questioni legate all’igiene, per il timore di contrarre malattie. Questo timore non si lega solo al bacio, ma in generale si riscontrerà un’eccessiva attenzione a tutte le pratiche igieniche. Oppure si smette di baciare il partner perché l’intimità di coppia si è rotta, o comunque crepata. O caduta nella rovinosa abitudine.

Ora aggrappati al mio braccio, Tieniti forte. Visiteremo luoghi oscuri, ma io credo di sapere la strada. Tu bada solo a non lasciarmi il braccio. E se dovessi baciarti nel buio, non sarà niente di grave: è solo perché tu sei il mio amore.
Stephen King.

Perché si ha paura di baciare? Siamo esseri talmente complessi che non esiste una spiegazioni univoca del fenomeno ma è tutto riportabile alla storia di vita di ciascuno e al quadro più ampio che coinvolge affettività e controllo.

Si guarisce dalla paura del bacio? E’ una patologia come molte. Alla sera invece di contare le pecorelle, conto le innumerevoli forme che le fobie possono assumere. Hanno sfumature fantastiche, ma sono trattabili. Il primo passo è riconoscerle. Evito quello stimolo? Quando non posso evitarlo, cosa provo? Ansia? batticuore? Come sta la mia respirazione? Che sensazione soggettiva sto provando? Il secondo è rivolgersi ad uno specialista.

Tempo fa tenni una lezione alla facoltà di Biologia, spiegando i riti di corteggiamento umani e parlai di bacio. Chiesi ad alcuni utenti di Twitter di raccontare il loro primo bacio

@chiorder seconda media all’uscita da scuola, Uno schifo indicibile! Dopo ho mollato il fidanzato.

@macosinonVale su una panchina al parco. Sentivo sarebbe successo da lì a poco e ho sentito come un nodo nello stomaco che si scioglieva.

@terricenum Asilo. 4 anni. Le ho dato la mia pasta mensa, poi la baciai. La suora  mi rimproverò lei non mi parlo più.

@paolopak Il primo! Disastroso! La notte di San Lorenzo guardando il cielo a Montenero

@wannabebaol il punto numero 8 di questa vecchia cosa lunga, del blog, descrive il mio primo bacio (link al blog nel nome)

E il tuo primo bacio?

La dott.ssa Manuella Crini è psicologia clinica e giuridico-forense. Si occupa di tutto quello che riguarda il benessere. E il bacio è anche benessere!

Difficoltà psichiche

Storie di rondini e di cortisolo. E di ansia.

E’ che dietro le cose ci sei tu, Primavera, che incominci a scrivere nell’umidità, con dita di bambina giocherellona, il delirante alfabeto del tempo che ritorna.
Pablo Neruda.

IMG_9173

Le prove di volo delle rondini hanno qualcosa di magico, di ipnotico. La sola rondine che torna non fa primavera. Devono tornare tutte, ricostruire i nidi rovinati dall’inverno e iniziare la danza della rinascita. Il verde prende il sopravvento, cambia l’odore nell’aria, il sole torna a ricordare la sua presenza e lo fa in modo prepotente, allungando e riscaldando le giornate. Un senso di inizio. Fiori. Animali. Ansia. Ansia? Ansia.

Apparentemente la primavera può sembrare un periodo tranquillo, ma in realtà è il momento in cui il risveglio della natura e i cambiamenti continui all’interno della stessa giornata, amplificano i disturbi legati all’ansia. Succede che il corpo debba star attivo più a lungo e che per adeguarsi produca alcune sostanze come il cortisolo, un ormone che permette all’organismo di reagire in maniera immediata agli stimoli, fa tante cose belle, come far percepire meno intenso un dolore, fa prender decisioni in tempo breve, ma se si accumula, beh se si accumula, ha qualche effetto collaterale, come l’abbassamento delle difese immunitarie e crea irritabilità e ansia. Non mi stancherò mai di dire che mente e corpo sono un’unica grande Pangea che nel tempo è stata smembrata in continenti per motivi storici, culturali, religiosi, ma che un terremoto da una parte provoca sempre un qualche cambiamento dall’altra. Se nel corpo circola troppo cortisolo un qualche effetto sulla mente si sente. Ma non è solo il cortisolo la piccola particella che varia nel nostro corpo. La luce induce cambiamenti nella melatonina e nella serotonina. La serotonina, ormone del buonumore, tu quoque? E’ il giusto equilibrio a far star bene, nel disequilibrio tutto può prendere una forma diversa nel mondo del sentire, quindi anche una variazione di questi ormoni può causare una forma ansiosa o anche depressiva.

Ma la Pangea non lavora in un’unica direzione, se quello che circola dentro può cambiare il come ci sentiamo, quello che è il nostro vissuto può cambiare quello che ci circola dentro,  che meraviglia essere esseri coscienti!

La primavera inizia a metterci a nudo. La nostra armatura di stoffa si rimpicciolisce con il caldo, gli strati a cipolla vengono sfogliati via via che le ore si fanno calde e questo può provocare un senso di disagio e difficoltà. Le lunghe giornate ci portano ad essere più immersi nel mondo sociale, cade il controllo nei cambiamenti repentini, dal sole alla pioggia, dal caldo al freschetto, cambiano i colori, cambia il mondo, diventa tutto più imprevedibile.

La primavera è rinascita. E’ un inizio, e gli inizi a volte stimolano, altre volte fanno paura.

In primavera ho contato 136 differenti tipi di tempo all’interno di ventiquattro ore.
Mark Twain.

I cambi di stagione (non ci sono più le mezze stagioni, ma quelle intere si sentono ancora) hanno su di noi un grande potere. Saper riconoscere il cambiamento in noi, comprendere quella che può essere un’accelerazione cardiaca data dal caldo o data da un senso di ansia, capire come funzioniamo, perché per quanto simili siamo, ognuno ha il suo libretto di istruzioni, è sempre il punto giusto da cui partire. La conoscenza è sempre alla base dei grandi cambiamenti, o forse era la grande Donna dietro il grande Uomo, ma fuori c’è un meraviglioso albero in fiore e sono curiosa di correre fuori e ascoltarmi. Sapere come mi sento. Sapere se la mia direzione è quella giusta.

La dott.ssa Manuella Crini si occupa di consulenze sia presso il suo studio sia online. Per info, un piccolo tour del sito.